SPECIALE MUTUI REGIONALI

III trimestre 2016

23.01.2017

REGIONI
A livello regionale, il terzo trimestre 2016 è risultato positivo sebbene la crescita sia stata inferiore ai semestri precedenti e si siano riscontrate variazioni in diminuzione in cinque regioni.
Queste ultime si collocano nel Mezzogiorno e vedono cali compresi tra il -7,6% della Puglia e il -16,8% della Basilicata (Abruzzo, Molise e Calabria perdono intorno all’11%).
L’aumento più consistente si registra in Valle d’Aosta con +25,6%, subito dietro si posiziona la Sardegna con +18,5%; Veneto, Umbria, Lombardia e Sicilia chiudono il trimestre intorno a +11%.
Permangono sempre differenze geografiche, in quanto sono generalmente le regioni del Nord Italia quelle dove si eroga mediamente di più: la Lombardia si conferma ancora leader con 2.579,5 milioni di euro, seguita da Lazio (1.532,5), Veneto (1.010,8) ed Emilia-Romagna (960,2).
 
Le buone performance dei trimestri precedenti determinano aumenti nelle erogazioni di tutte le regioni nei primi nove mesi del 2016. La Sardegna eroga quasi il 40% in più, l’Umbria +37,6% e Sardegna e Campania chiudono con +32%. La classifica per volumi erogati mostra le stesse posizioni riscontrate a livello trimestrale: la Lombardia eroga quasi 8 miliardi di euro, il Lazio 5 miliardi di euro, Veneto ed Emilia Romagna circa 3 miliardi ciascuna.
 
PROVINCE
Nel terzo trimestre 2016 circa 2 province su 3 hanno evidenziato volumi in aumento, seppur non in modo significativo come nei trimestri scorsi. La prima di queste, Cremona, quasi triplica i propri volumi (+184%), seguono le province di Olbia-Tempio (+90%) e Ragusa (+60,6%)
Tra le principali province emergono sempre Roma e Milano, i cui volumi sono più del doppio rispetto alla terza provincia, Torino. Da segnalare che 3 delle prime 10 province sono lombarde e l’unica con valori negativi è Bari, che chiude il trimestre con -11,8%.
Di seguito l’andamento delle prime dieci province per volumi erogati nel terzo trimestre 2016:
 
PROVINCIA
EROG. (mln €)
III trim 2016
VAR. %
su III trim 2015
ROMA
1.358,6
+0,8%
MILANO
1.088,3
+4,7%
TORINO
531,5
+5,7%
NAPOLI
391,3
+6,0%
FIRENZE
295,4
+9,1%
BOLOGNA
278,4
+3,1%
BERGAMO
237,8
+6,5%
BRESCIA
235,9
+5,2%
BARI
230,0
-11,8%
GENOVA
226,8
+4,5%
Elaborazione Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa su fonte dati Banca d'Italia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Nei primi nove mesi del 2016 tutte le province italiane hanno evidenziato volumi in aumento. Sulla scia dell’andamento trimestrale, la prima di queste è Cremona (+93,6%), seguita da Ragusa, Enna e Olbia-Tempio (tra +70% e +73%). Roma e Milano sono sempre ai primi posti per quanto riguarda i volumi, rispettivamente con 4,4 e 3,6 miliardi di euro di erogato. Tra le dieci principali province si segnala Napoli, che vede un aumento del 31,4%.
Anche per questo lasso temporale indichiamo l’andamento delle prime dieci province per volumi erogati:
 
PROVINCIA
EROG. (mln €)
Gen-Set 2016
VAR. % su
Gen-Set 2015
ROMA
4.441,4
+27,4%
MILANO
3.591,9
+27,4%
TORINO
1.686,0
+26,1%
NAPOLI
1.247,3
+31,4%
FIRENZE
922,4
+27,9%
BOLOGNA
880,6
+25,2%
BARI
759,6
+18,1%
BRESCIA
725,8
+26,5%
BERGAMO
702,5
+14,8%
GENOVA
683,8
+23,5%
Elaborazione Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa su fonte dati Banca d'Italia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa