Mercato turistico mare, lago e montagna

Quotazioni e socio demo Isem16

05.09.16

PREZZI
Nella prima parte del 2016 gli immobili turistici hanno visto prezzi ancora in diminuzione rispetto al semestre precedente: -1,3% il ribasso nelle località di mare, -1,2% per i valori delle case in montagna, performance migliori per il lago che chiude con -1,7%.
MARE: tra le regioni di mare le performance migliori per la prima  parte  dell’anno  spettano  a  Campania  (-0,1%), Puglia (-0,2%), Sardegna (-0,3%). Più accentuati i ribassi in Toscana (-4,4%), in Calabria (-2,4%) ed Emilia Romagna (-2,3%). Numerose le località di mare che chiudono con prezzi stabili mentre alcune, anche rinomate,   segnalano  ancora  valori  in  diminuzione, tra queste Riccione (-4,9%),  Scalea (-5,9%),  Chiavari (-4,6%) e Rimini (-4,3%). 
LAGO: le quotazioni delle abitazioni nelle principali località lacustri italiane sono in diminuzione del -1,7%. 
I valori delle case sul lago d'Iseo registrano una contrazione del -4,7%, a seguire i valori delle case sul lago di Garda che segnano una ribasso del -2,7%. Per le tipologie ubicate sul lago di Garda si conferma l’interesse all’acquisto da parte dei turisti tedeschi e si registra una buona tenuta dei prezzi per le case della sponda veronese. Lieve rialzo dei prezzi per le abitazioni sul lago di Como (+1,7%).
MONTAGNA: in calo del -1,2% i valori immobiliari. Stabili i prezzi delle località turistiche dell’ Abruzzo. In Val d’Aosta il ribasso è del -2,2% mentre per le località del Piemonte la contrazione dei valori si aggira intorno a -1,3%, con alcune località stabili tra cui Cesana Torinese.   
 
TREND VARIAZIONE % PREZZI 2007 - I sem 2016
MARE -38,3
LAGO -26,4
MONTAGNA -33,9
 
PROFILO SOCIO-DEMOGRAFICO
L’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato le compravendite, aventi ad oggetto la casa vacanza, intermediate dalle reti Tecnocasa e Tecnorete nel primo semestre del 2016 ed ha tracciato il profilo dell'acquirente tipo e la tipologia preferita.
La tipologia preferita da chi acquista una casa vacanza è il trilocale con il 41,8% delle compravendite, seguita dal bilocale che si attesta al 36,3%. Più basse le performance di monolocali (10,0%), 4 locali (9,5%) e 5 locali (2,4%). Le stesse tendenze si erano registrate nel primo semestre del 2015.
Ad acquistare la casa vacanza sono soprattutto persone d’età compresa tra 45 e 54 anni (34,9%), tra 35 e 44 anni (25,9%) e tra 55 e 64 anni (24,8%).
Ben otto volte su dieci chi compra una casa vacanza è coniugato. Questa proporzione è rimasta praticamente invariata rispetto al primo semestre del 2015.
Per quanto riguarda le modalità di acquisto dell'abitazione da utilizzare durante le vacanze,  il 26,1% delle compravendite è stato concluso con l’ausilio di un mutuo bancario. L'anno scorso, nello stesso periodo, la percentuale di chi ha comprato la casa vacanza avvalendosi del mutuo era più bassa e si attestava sul 20,2%.
 
Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa